lunedì 15 luglio 2013


La stagione calda sta arrivando, la maggior parte delle falesie sono impraticabili..i vecchi progetti devo essere abbandonati, ma a star fermo non son capace, e prendo una decisione...quest'estate a costo di non schiodarmi sui quinti, cercherò di allenarmi un pò più seriamente...ma per motivarmi devo assolutamente portare a casa qualche tiro, anzi qualche BEL tiro...guide alla mano e i miei occhi cadono subito su EL TIGRE, nella falesia di Chesod - VdA, liberato da Iker Pou qualche anno fa...e come una ''zitella inferocita'' inizio a chiedere in giro...duro?facile?Boulderoso?di ghisa?... insomma volevo sapere comeca**oerastotiro!...le risposte non mi soddisfano fino a che non ne parlo con Carletto Giuliberti, che mi dice: 5 spit duri, poi 7a...MA COME? non è 8b??...si si ma se passi il blocco è finita, io salgo nel weekend,vieni?..Sembra strano, ma tanto vale andarlo a provare...al massimo sgarro sto ventello e mi prendo un'imbottigliata che non finisce più...
Veloce riscaldamento, e faccio il primo giro teleguidato, in effetti Carletto aveva ragione, boulder e poi zappe...dopo circa 40 min sono pronto, è già abbastanza tardi e con il pollice che si bacia l'indice, parto per ''il giro del kossovaro'', colui che non ha paura di morire:)...le mani non si aprono, il braccio blocca basso e son fuori dal blocco...stringo i denti fino in catena, e VENGAAAA!...primo 8b al secondo giro...Piccola perla Valdostana, che spunta tra milioni di scavi!
Prossima destinazione è la val Grisa, e più precisamente il cubo di Revers...tiri old school e zanzare!...fa ancora caldo, ma voglio assolutamente aggredire qualche lista, e parto subito su un 8b/+ che di liste ne ha ben poche...verticali, pochi piedi, e spit a pechino...mi arrabatto fine all'ultimo rinvio dove mi trovo davanti a una pietra incollata...bee non rimarrei sorpreso se fosse li per essere tenuta, ma porca paletta è li per tappare un buco... provo quest'ultimo una,due,tre,tremila volte e va*******ulo... cala che se no bestemmio!! e mentre cancello questo tiro dai progetti mi ritrovo poco più in là su Puissance absorbee, spigolo di 8a che salirò al secondo tentativo...Questo è un gran tiro, non quella merda di 8b+...
Il resto della storia ve la risparmio,si parlerebbe solo di ghisa,ghisa e ancora ghisa, ora ho caldo pure a scrivere, e questo significa che per scalare è veramente troppo... per di più ora ci si mette anche l'allenamento a buttarmi giù... combinazione ottimale per cadere lassù dove i tiri son finiti, esplodendo in una ghisa fotonica in 1,2,3 secondi...dominando i primi 3/4 di via...
Dimenticavo: per invogliarmi a metter su resistenza, ho intrapreso una gara con chi di resi la conosce bene...ma per solo grandi schiaffoni!!:) ma prima poi pareggerò i conti...


Bside or Die



Luca "Bazooka" Rinaldi

VacanzeBoulderose


26/12/2012


Komilator 8a - Chironico
Nel vacanze natalizie oltre che andare alla ricerca, nei boschi Valchiusellesi, di nuovi massi ''muffeggianti'' da spazzolare, mi sono spostato un po' di qua e un po' di la, ovviamente sempre nel circondario, per cerare di salire qualche bel blocco, rimanendo per lo più in compagnia degl'altri climber Valchiusellesi. Decidiamo di salire in quel di Chironico, al mattino presto i blocchi era per lo più bagnati fradici, ma armati di ''cartadasedere'' alle 9:15 apparecchiamo borderline (7a plastico di Dave),e dopo qualche tentativo, tra uno ''schiun'' e l'altro si fa ammaestrare e per un soffio anche Tonii non riesce a salirlo.

Ci si sposta in fretta sempre tra i massi del settore Paese, e tra un blocco marcio e l'altro pure, arrivo sotto Komilator 8a, che in circa 10 min salgo al 3°go, e poco dopo Bella Nicki 7a e Bella Gnocca 7b. La giornata è fresca, il cielo limpido e mentre Bogli sale Bella Nicki e prova Bella Gnocca (che salirà 3 giorni dopo), riesco a scattare anche qualchefoto.


Tonii in Border line
29/12/2012


Si ritorna in Chironico, dopo due mono di ''riscauda'', alle 9:30, Bogli stampa Bella Gnocca al 1°go di giornata, poco più in la, io mi ''incaponisco'' su Souvenir, ma fallisco e dopo un giro buonissimo non ''alzopiùilculo'', mentre Il Bogli stana un altro 7b.

Nel pomeriggio ci spostiamo nei vari settori, ma i blocchi nella parte bassa sono ancora tutti umidi, e devo ripiegare su Doctor Pinch 7c+, dopo un buon giro flash lo salgo al 4°go, salvando la giornata.


03/01/2012


Coretex 7c - Cubo (VdA)
E' l'ora di visitare il settore di Donnas Alta (VdA), per provare Doomsday, un 7c+ nuovo nuovo,(FA Andrea Zanone), e dopo circa 50 min di camminata con tre crash in spalla riesco a trovarlo, con le gambe calde e le dita che chiedono di ''stringere'', riesco nella salita di questo bel blocco, anche qui al 4°go dopo una rovinosa caduta sul muretto proprio li dietro. Nel mentre arriva anche Niki ''POWER'' Ceria, ed insieme a lui, ci mettiamo alla ricerca delle method di un progettone qualche metro più in la. Dopo una bella giornata, me ne torno a casa stanco morto. 


Autoscatto - Doomsday 7c+
 04/01/2013


Per finire è l'ora del Cubo di Arnad, fa caldo, della ''colla'' Ticine non se ne vede più l'ombra, ma le vacanze stanno per finire e non posso sta seduto sul crash a ''pettinarbambole''.E quindi dopo mille tentativi riesco a salire Coretex 7c, a mio parere ''unaminainculo'', concludo la giornata con un 7b di cui non conosco il nome, risolto alla mia maniera:).





Le vacanze sono finite, e si ritorna al routinne plasticara, in attesa del weekend per sfogarsi un pò sulla roccia.



BYE BYE, Daajieeeeeeee!!



Luca ''Bazooka'' Rinaldi

UNA DURA BATTAGLIA....

Sento che pian piano, il ''caldo'' sta arrivando, ed è il momento di chiudere i conti con Serre Moi Fort, l'8A più difficile e infingardo che abbia mai provato. Due metodi per salirlo, quello originale che possiamo riassumere con tre parole: ''veneziana che sbatte'' e quello da lunghi detto anche ''muovi i piedi e rilancia''. A questo punto chi mi conosce sarà portato a pensare: Avrà sicuramente rilanciato!!....Ebbene no, i mille spostamenti di piedi e i 200 rilanci da fare, non mi riuscivano mai, e allora non mi resta che tenere questa bandiera, cacciare sta mega spallata e criccare quel maledetto verticale, che la settimana prima mi aveva beffato proprio lì, dove non dovevo sbagliare. Ed oggi finalmente al 4° giro della giornata, riesco a salirlo. Be non male son solo le 10.00....ma il caldo si fa sentire e molti blocchi sono impraticabibili... Decido di provare qualche blocco nuovo, ed infatti salgo al secondo giro  Brechstange 7c, un pò facile per mio conto...ma molto divertente. Nel pomeriggio è il momento di spostarmi a settore Paese dove voglio provare un' altro bel legno, Souvenir 8a/8a+, blocco orribile, ma ormai è una questione personale....ed anche oggi non sa da fare, e mi respinge all'ultimo singolo....Mi ancontenterò di salire, poco più tardi, blochx addiction 8a, in circa 20 min....bell' aggancio di punta...Yeah!!....

Un' altra bella giornata e molto redditizia.....


Bside or Die

Nelle volte successive in quel di Chironico, salirò altri tre 7C, di cui uno al secondo e uno al terzo giro....

Luca "Bazooka" Rinaldi

ICARO...



E' fine Gennaio, prima garetta del TTC, e a metà tempo utile sento un TRAK-TRIK-TROK-STRAKETITRAK-STOK e un dolore mi sale su per la coscia sinistra. Bene, molto bene, contrattura alla ''chiappa'' e uno stiramento al bicipite femorale sinistro, condito con un infiammazione ai vari tendini collegati. Da quel momento, la filosofia "tallonare è da froci!" diventa la mia unica linea guida....Ma ovviamente, non essendo ''The red man'',queste linea di pensiero mi costringe a non provare il 60% dei movimenti ed anche per motivi di lavoro il TCC (per me) è già finito.

L'unico modo per trovare motivazione è cambiare i miei obbiettivi, spostando la mia attenzione su roccia, e principalmente al Ticino, ma questo ''fucking meteo'' non mi permettono di salire in Svizzera, tutte le volte che vorrei.

In particolare una mattina, organizzo insieme all' amico Kiks, di salire in Ticino ma ovviamente è l'unico giorno in cui sono previsti 30 cm di neve fresca fresca, e mentre sono nel letto con il nervoso a manetta, mi viene in mente che dalle parti di Rivoli, e più precisamente a Villarbasse, si trova un masso, sul quale ''molti anni orsono'', un certo Nardi M.:), aveva aperto una linea, Icaro, primo 8A boulder in Italia. L' idea mi alletta molto e quindi sabato 9, di buon mattino mi alzo presto e parto, qualche difficoltà nel trovare la strada ma finalmente arrivo sotto Icaro, le condizioni erano ottime, e dopo un velocissimo warm up, riesco subito a fare i singoli, su cui l'anno prima faticavo molto e dopo essere caduto quelle 4.000 vote in uscita, alle 10.30 riesco finalmente a prendere quel ''maledetto piatto infame''. Felice, e non troppo stanco, dopo un panino e una birretta, parto allo volta del Cubo di Arnad, dopo qualche 7A per far girare il sangue, salgo, al terzo tentativo, The Jackal 7B+.



Bside or Die

Ah dimenticavo, anche con il freddo, la corda non si scorda mai, ed un tiepido pomeriggio, riesco a salire Piatto a Sorpresa (8a/8a+) in Bassa Valle Orco.


Luca "Bazooka" Rinaldi

DILUVIO SOLEGGIATO...


Sole, un pò di caldo e il periodo del bouldering sembra terminato...E' il momento di aprire seriamente la stagione falesia e di iniziare a lavorare i progetti duemilatredici...La lista è ''bella crasta'' quest'anno, ma la forma mi permette di portarmi avanti fin da subito.
Primo posto da visitare è Leverogne, falesia storica ma come molte, poco frequentata, forse perché qui vige il famoso ''Grado-leverogne'', o forse perché conta di più sentirsi ''big'', appendendosi al primo spit dei tiri del Cubo, al quale è vietato accedervi se non si è ''sclerati, fricati o ramiti'', così da non rovinare l'atmosfera isterica tipica del luogo.
Bene, anzi molto bene, meglio soli che mal accompagnati...
La falesia poggiata al bordo di una vecchia strada in disuso, si presenta bene alle mie caratteristiche, tiri corti, strapiombanti il giusto e a sentire molta gente, le vie sono buolder con la corda.
Non ci resta che provare, è la volta di Coca Cola Kid, al giro flash parto incazzato come un puma ma nulla da fare, casco giù a metà del ''boulderino''. Al secondo giro mi beffa prima della zappa finale e in fine salirò solamente al 3° giro, bellissimo 7c+/8a (che è anche l'8a più duro della valle), assolutamente da provare.
Il weekend seguente, invece, neanche la valleè si salva, e come tutto il Piemonte, è invasa da un diluvio che non lascia scampo a nessun piccolo pezzo di roccia, tranne che ovviamente il Tetto di Sarre, il progetto a cui volevo dedicarmi era marcio, e ripiego su Hellsmaltifal, vecchio progetto dell'anno scorso, una concatenazione di 3 tiri, che sommati si aggirano intorno al grado di 8b+. Un giro di ricognizione, e al secondo giro della giornata riesco a mettere insieme tutta la sequenza dura, e via fino in catena. Scendo stanco,''ghisato perso'', ma contentissimo e con la ''ralla'' del momento un' oretta dopo salgo anche un 8a+, Sarre 2000.
Ora arriva il ponte del 25 aprile/01 maggio, non mi resta che sperare nel bel tempo, per poter provare i prossimi progetti che ho in mente.


Bside or Die


Luca "Bazooka" Rinaldi

FEBBRAIO...CIELO LIMPIDO E COLLA!!

E' febbraio e il meteo per questa prima parte del mese sembra buono, tanto quanto la mia forma, casualmente due fattori che se combaciano possono dare molte soddisfazioni....
Freak Brothers 8a+
Si parla nuovamente di roccia, di Ticino, di Bouldering, di linee strafighe e di compagni di scalata ancora meglio. Sveglia presto e tra un ritardatario e l'altro, insieme a Guido e al Bogli, finalmente arriviamo al settore Barriera (Chironico CH), seguiti a ruota da Gabri e dal Simo Raina, dopo un lungo warm-up, ci spostiamo sotto un masso che avevo guardato sempre e solo da distante, sembra duro, sembra avere un atterraggio su dei massi aguzzi e sembra essere alto...e invece qui, leggermente in traverso si sviluppa una linea che trovo subito congeniale, e al terzo tentativo da sotto salgoSchlonziges Wiener Schmankerl 8a (accovacciato), e incoraggiato dal Simo e dagl'altri, dopo non molto, salgo anche la ''Sit Start'' di 8a+, un pò facile per le mie leve lunghe ma a mio parere molto divertente.
E' il momento di spostarsi, sotto Freak Brothers 8a+, una linea molto bella, movimenti ampi, atletica, due arcuate ed un piattone, il tutto condito con una sana bandiera che al giro flash mi butta giù con il bordo in mano....Farlo flash sarebbe stato un sogno, ma mi accontento di salirlo al 6° giro....
Freak Brothers 8a+
Dopo due 8a+ in giornata sono molto contento, la ''ralla'' mi cala e con le ultime energie e spremendo i pettorali, salgo al 3° giro Tomahawk 7B/7B+ molto fisico, da li a poco e già col buoio il Bogli ''rischia'' di salirlo in giornata, cadendo alla ribalta beffato dall' oscurità.
E' il momento di tornarsene a casa, ma non prima di aver ringraziato gli altri offrendogli una mega birra.

Bside or Die


Luca "Bazooka" Rinaldi

Rovinandovi ''la vista''...


Il 25 aprile è arrivato e con lui la pioggia e la festa dei coscritti di Serena, ed è veramente il momento di staccare la spina per qualche giorno.
In questo lungo ponte, i giorni di bel tempo sembrano veramente pochissimi e bisogna approfittarne fin da subito.
Ritorno subito a Leverogne, a provare quella ''placca'' che tanto placca non è, quel tiro storico, quel tiro di cui avevo sempre sentito parlare, Vampirella primissimo 8a valdostano.
A sentir la gente, non si capiva un granché di quanto fosse difficile, ma soprattutto non si capiva qual'era veramente la sezione dura, sembrava il tiro più enigmatico della Vallè. Chi diceva la placca, chi diceva il lancio, chi diceva dopo il lancio, la conclusione a cui sono giunto è: sarà tutta dura!Vedrai quanti schiaffi prenderai oggi!
Legato son legato, un gran respiro e parto, supero indenne la prima parte bagnata e mi addentro sulla placca iniziale, presa schifosa, svasello, lista da ''crippare'', piede? sarà mica un piede quello, altro svasello e come volevasi dimostrare salto giù e mi ritrovo al primo ''gancio'' appeso come un salame. Mi guardo un pò intorno, e riparto, ma la storia si ripete, ma con un gesto fainesco metto il secondo rinvio. Bene, la placca per me è dura, ma sembra finita, da qui in poi le prese sembrano esserci, e i piedi? sempre i soliti appoggi schifosi. Finalmente arrivo al famoso lancio di Vampirella, banchetta cosìcosì, lista, bidito, piede alto e prendo la zanca, ma la ''bandiera''?...Bo meglio così, per me, il lancio non è propriamente un lancio. Vedo le zanche della salvezza ma l'ultima sezione è lì che mi aspetta, sembrano tre prese, un pò distanti, ma decenti...e come immaginavo, due allunghi e mi rimonto l'ultima parte di 4° + fino in catena...
E un pò di tempo che il Second Go mi riesce molto bene, e una volta superato il secondo spit, con solo un piccolo errorino me la gestisco fino in catena...''Figatissimaditiro''!....Leverogne si conferma una delle falesie più fighe della Vallè!!
MA....MA....MA....
Il brutto tempo ci investe alla grande...e il 26 siamo nuovamente al Tetto di Sarre...che in queste vacanze mi ha davvero 'asciugatolepalle''...e aggiusto i conti con Smalto, 8a+ atletico...che mi beffò più di una volta in catena...Il 28 si ritorna sulla plastica, King Rock a Verona...dove vengono organizzate, due simulazioni boulder tipo gara...sia per visualizzare gli atleti giovanili, sia gli atleti per la nazionale maggiore...va abbastanza bene, anche se mi accorgo che la falesia mi ha rammollito un pò, ma ci sta...
Concludo la storiella, con un'ultima giornata al Tetto di Sarre...il 29...dove decido di provare qualcosa di un pò più duro questa volta, Terza dimensione, 8c liberato da Pippo Nalasco, famoso per il mega incrocione su in punta al tetto, che da provare è una vera rottura...per arrivare lassù in punta, in mattinata passo da Parsifal diretta, la vecchia via di artificiale...8a un pò morbido, che concateno subito al secondo giro di giornata...L'incrocio mi riesce benone e anche la parte finale in comune con L'Avaro 8c+/9a , e per oggi sono contento...ma dovrei per lo meno risolvere la prima parte della via, e così verso le 17.30, faccio il così detto tentativo del Corsaro, e salgo al secondo giro di giornata Lovely Cali, 8b molto carino...

Bside or Die